×

Errore

Strange, but missing GJFields library for /web/htdocs/www.davidegalloni.com/home/plugins/content/autoreadmore/autoreadmore.php
The library should be installed together with the extension... Anyway, reinstall it: GJFields

Escursione con il Drone all'Alpe Giumello a 1.805 metri

Scritto da Davide Galloni. Inserito in Escursioni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Eh si, in questo sabato di fine giugno, con una giornata del genere, non si può certo stare con le mani in mano senza far nulla....e allora ecco che, dal quaderno delle mi mete escursionistiche preferite, estraggo dal lungo elenco l'Alpe di Giumello.

Per raggiungere l'Alpe di Giumello, una delle strade più comode è senz'altro quella che, dall'uscita della Statale 36 di Bellano, porta verso Taceno, quindi direzione ovest, in salita piuttosto che discendere verso Bellano. 

Una volta passato Taceno, si svolta verso l'Alpe di Giumello.

L'ADG è un luogo posto un po' più in alto di Camaggiore, luogo visitato qualche anno fa con il mio ex Phantom 3. 

Il dislivello è di circa 500 metri e, come per Camaggiore, praticamente la gran parte del tragitto, volendo, la si fa in auto, almeno fino al parcheggio dove è presente un rifugio ristorante presso il quale si può pranzare e rifocillarsi dopo la salita, il Ristoro Genio Alpe Giumello che consiglio davvero per la qualità del cibo e per i prodotti artigianali che vendono nel negozio.  Non è proprio a buon mercato ma per una volta si può fare uno strappo.

E' proprio dal parcheggio del ristoro, infatti, che parte il sentiero che porta in vetta, fino alla croce di Giumello,  In inverno ci si può anche sciare, con un unico impianto di risalita.

Il tempo di percorrenza è di soli 30 minuti ma il panorama che si gode dall'alto è di primissimo ordine.

Qui, le immagini riprese dal Drone Aquila 1.

{youtube}Mhu4lySFrnM{/youtube}

 

 

Add a comment

Battesimo VFR 2018

Scritto da Davide Galloni. Inserito in Escursioni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

E finalmente venne il giorno.

Saltata la trasferta di 4 giorni sulle Dolomiti, un occhiata al meteo che dava 2 giorni di sole per Pasqua e Pasquetta, mi sono detto:"è arrivato il momento di sguinzagliare il VFR".

E quale migliore occasione per un bel week end sul lago? 

Detto, fatto! 

Scongelo l'assicurazione e, a dispetto del fatto che Pasqua è il 1° Aprile, immune da qualsiasi scaramanzia, parto per Regoledo city. 

Sono le 11 e ormai le temperature sono salite a dovere, siamo sui 14 gradi ed il viaggio è piacevole se non fosse che, all'altezza di Carate Brianza, il cartello luminoso cita testualmente:"INCIDENTE A NIBIONNNO PRESTARE ATTENZIONE" che, per dirla in km siamo intorno ai 13 chilometri di coda. 

Per fortuna ho optato per la moto. Percorso rallentato ma si viaggia, mentre tutti gli altri fermi in colonna.

Arrivo alle 12.50, tempo di prepararmi un pranzetto veloce e poi di parte, questa volta a piedi in quei posti spettacolari che ti mettono in pace col pianeta.

9 km di escursione la Domenica e 10,5 il lunedì, in compagnia di Paolo ed Elena, due ragazzi ormai indigeni del luogo. 

Dopo un pranzo in compagnia, è già ora di tornare, la stanchezza si fa sentire ed il tempo è in peggioramento per cui, risalgo in sella e torno verso casa. 

Mi rimangono le immagini del Battesimo Honda VFR 2018, la stagione è iniziata, avanti così! 

pasqua2018-1
pasqua2018-2
pasqua2018-3
pasqua2018-4
pasqua2018-5
pasqua2018-6
pasqua2018-7
pasqua2018-8
pasqua2018-9
pasqua2018-10
pasqua2018-11
pasqua2018-12
pasqua2018-13
pasqua2018-14
pasqua2018-15
pasqua2018-16
pasqua2018-17
pasqua2018-18
pasqua2018-19
pasqua2018-20
pasqua2018-21
pasqua2018-22
pasqua2018-23
pasqua2018-24
pasqua2018-25
pasqua2018-26
pasqua2018-27
pasqua2018-28
pasqua2018-29
pasqua2018-30
pasqua2018-31
pasqua2018-32
pasqua2018-33
pasqua2018-34
pasqua2018-35
pasqua2018-36
pasqua2018-37
pasqua2018-38
pasqua2018-39
pasqua2018-40
pasqua2018-41
pasqua2018-42
pasqua2018-43
pasqua2018-44
pasqua2018-45
pasqua2018-46
pasqua2018-47
pasqua2018-48
pasqua2018-49
pasqua2018-50
pasqua2018-51
pasqua2018-52
pasqua2018-53
pasqua2018-54
pasqua2018-55
pasqua2018-56
pasqua2018-57
pasqua2018-58
  • pasqua2018-1
  • pasqua2018-2
  • pasqua2018-3
  • pasqua2018-4
  • pasqua2018-5
  • pasqua2018-6
  • pasqua2018-7
  • pasqua2018-8
  • pasqua2018-9
  • pasqua2018-10
  • pasqua2018-11
  • pasqua2018-12
  • pasqua2018-13
  • pasqua2018-14
  • pasqua2018-15
  • pasqua2018-16
  • pasqua2018-17
  • pasqua2018-18
  • pasqua2018-19
  • pasqua2018-20
  • pasqua2018-21
  • pasqua2018-22
  • pasqua2018-23
  • pasqua2018-24
  • pasqua2018-25
  • pasqua2018-26
  • pasqua2018-27
  • pasqua2018-28
  • pasqua2018-29
  • pasqua2018-30
  • pasqua2018-31
  • pasqua2018-32
  • pasqua2018-33
  • pasqua2018-34
  • pasqua2018-35
  • pasqua2018-36
  • pasqua2018-37
  • pasqua2018-38
  • pasqua2018-39
  • pasqua2018-40
  • pasqua2018-41
  • pasqua2018-42
  • pasqua2018-43
  • pasqua2018-44
  • pasqua2018-45
  • pasqua2018-46
  • pasqua2018-47
  • pasqua2018-48
  • pasqua2018-49
  • pasqua2018-50
  • pasqua2018-51
  • pasqua2018-52
  • pasqua2018-53
  • pasqua2018-54
  • pasqua2018-55
  • pasqua2018-56
  • pasqua2018-57
  • pasqua2018-58
  • Add a comment

    Nei sotterranei del castello di Vezio

    Scritto da Davide Galloni. Inserito in Escursioni

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

    

    Siamo entrati nelle segrete del castello della Regina Teodolinda. 

    In tempo di guerra, i sotterranei erano utilizzati come punti di offensiva all'avanzata del nemico. 

    Ci sono infatti 3 punti di fuoco da dove i soldati potevano difendere il castello dall'avanzata del nemico.

    Add a comment

    Rifugio Menaggio, un balcone sul lago di Como

    Scritto da Davide Galloni. Inserito in Escursioni

    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    A conferma che non serve andare chissà dove per trovare posti bellissimi, eccone uno che si potrebbe davvero annoverare tra i migliori panorami visitabili sul lago di Como. 

    Si tratta del Rifugio Menaggio, posto a 1.383 metri di altitudine, dal quale si gode di una vista davvero spettacolare. 

    Per raggiungere il Rifugio Menaggio si può lasciare la macchina al paese di Plesio e partire da lì con sentiero CAI, oppure proseguire con l'auto verso i monti Breglia dove c'è un parcheggio e la strada termina.

    In quest'ultimo caso, si risparmiano circa 40/50 minuti di camminata. 

    Attenzione però perchè il comune di Plesio ha istituito un Ticket per l'accesso alla salita sui monti Breglia.

    Non è un ticket per il parcheggio bensì per l'utilizzo della strada.

    Il prezzo è di 3,00 Euro al giorno.

     

    Noi abbiamo optato per una soluzione a metà strada, lasciando la moto qualche centinaio di metri prima del parcheggio.

    Il percorso di salita è di media difficoltà e, come consiglio personale, un buon allenamento non guasta poichè non ci sono tratti pianeggianti se non l'ultimo pezzo di circa quindici minuti. 

    Durante la salita ci sono un paio di scorci tra gli alberi come questo: 

  • Salita al rifugio Menaggio-6
  • Salita al rifugio Menaggio-6
    Salita al rifugio Menaggio-6

    Comunque sia, la fatica della salita è ampiamente ripagata dallo spettacolo che si gode dal rifugio e dal piccolo piano che si trova antistante il rifugio stesso. 

    Una panoramica sul lago dalla quale si possono vedere quasi per intero il ramo di Lecco, Bellagio, Varenna, Bellano, Dervio...

    Il Rifugio è aperto da Giugno ad Ottobre ed è possibile, oltre che gustare le prelibatezze tipiche del luogo come la Polenta, i salumi e i formaggi, anche pernottare se poi si vuol proseguire la scalata al Monte Grona o al Monte Bregagno.

    Tutte le info per contattare il rifugio Menaggio sono sul sito: www.rifugiomenaggio.eu

    In conclusione credo di poter dire che, chi ama le passeggiata in montagna, non può farsi sfuggire questo bellissimo posto.

    Come consiglio personale direi di fare questa escusione ad Ottobre, quando il tempo è più fresco e l'assenza di foschia rende il panorama unico.

    Nel nostro caso, infatti, la foschia che si vede nelle foto ha in parte sporcato questa bellissima cartolina naturale.

    GalleriaFotografica

    Serata perfetta
    Torna la calma dopo la tempesta
    Tempesta in arrivo
    Discesa dal Rifugio Menaggio
    Panoramica Rifugio Menaggio-1
    Rifugio Menaggio-7
    Rifugio Menaggio-6
    Rifugio Menaggio-5
    Rifugio Menaggio-4
    Rifugio Menaggio-3
    Rifugio Menaggio-2
    Rifugio Menaggio-1
    Salita al rifugio Menaggio-8
    Salita al rifugio Menaggio-7
    Salita al rifugio Menaggio-6
    Salita al rifugio Menaggio-5
    Panorama dal sentiero che sale al rifugio Menaggio
    L'Ammiraglia parcheggiata. Da qui si va a piedi
    Salita al rifugio Menaggio-4
    Salita al rifugio Menaggio-3
    Salita al rifugio Menaggio-2
    Salita al rifugio Menaggio-1
    Vista del lago di lecco da Varenna
    Il porto di Varenna
    Tempesta scampata
    Verso il porto per il traghetto
    Anche questo è spettacolo
    Vista dal sentiero verso il rifugio
    Tramonto a fine giornata
  • Serata perfetta
  • Torna la calma dopo la tempesta
  • Tempesta in arrivo
  • Discesa dal Rifugio Menaggio
  • Panoramica Rifugio Menaggio-1
  • Rifugio Menaggio-7
  • Rifugio Menaggio-6
  • Rifugio Menaggio-5
  • Rifugio Menaggio-4
  • Rifugio Menaggio-3
  • Rifugio Menaggio-2
  • Rifugio Menaggio-1
  • Salita al rifugio Menaggio-8
  • Salita al rifugio Menaggio-7
  • Salita al rifugio Menaggio-6
  • Salita al rifugio Menaggio-5
  • Panorama dal sentiero che sale al rifugio Menaggio
  • L'Ammiraglia parcheggiata. Da qui si va a piedi
  • Salita al rifugio Menaggio-4
  • Salita al rifugio Menaggio-3
  • Salita al rifugio Menaggio-2
  • Salita al rifugio Menaggio-1
  • Vista del lago di lecco da Varenna
  • Il porto di Varenna
  • Tempesta scampata
  • Verso il porto per il traghetto
  • Anche questo è spettacolo
  • Vista dal sentiero verso il rifugio
  • Tramonto a fine giornata
  • Add a comment

    Cinque Terre, uno dei paradisi italiani più belli

    Scritto da Davide Galloni. Inserito in Escursioni

    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Una delle principali tappe dell'estate 2017 è stata senza ombra di dubbio quella alle Cinque Terre, in Liguria.

    In passato ero già stato a Monterosso ma, col senno di poi, con occhi decisamente diversi. 

    Quest'anno vacanza in moto su e giù per tutta la Liguria, in ottima compagnia, anzi, la miglior compagnia in uno dei paradisi italiani più belli: Le Cinque Terre.

    L'idea non è venuta solo a noi ma, a giudicare dalla ressa trovata praticamente in ogni situazione, è venuta anche a qualche altra migliaia di persone.

    Ma non ci siamo scoraggiati, caschi in testa e zainetto e via ad esplorare questo bellissimo posto. 

    Il tempo è sempre stato bellissimo, sole ed il giusto caldo ci hanno accompagnato durante tutta la vacanza. La visita si è articolata in due diverse giornate e, contrariamente da come si dovrebbe fare, la prima terra visitata è stata l'ultima: Rio Maggiore

    Diciamo che le cinque terre, Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e, appunto, Rio Maggiore, sono molto simili tra loro come architettura, grandezza e posizione, fatta eccezione per Corniglia che resta in cima ad un promontorio e, per discendere verso il mare, occorre fare una lunga scalinata. Della sua altezza ce ne si accorge molto bene percorrendo il sentiero che da Vernazza porta appunto a Corniglia, praticamente una salita unica ma, lo dico con assoluta sincerità, un sentiero a dir poco fantastico, a strapiombo sul mare accompagnato da uno spettacolo di colori e profumi che sarebbe stato davvero un peccato non fare. 

    Il sentiero è lungo circa 2,8 chilometri e si percorre in un'ora e mezza circa con una camminata normale. Purtroppo però, in questo periodo dell'anno, per percorrere questo pezzo di sterrato, viene richiesto l'acquisto di un ticket di ben 7,50 euro a persona.

    Personalmente lo ritengo davvero un furto legalizzato, sono s'accordissimo sul fatto che si debba finanziare anche la manutenzione ma il prezzo mi sembra francamente troppo alto.

    Ad ogni modo, la voglia di percorrerlo era tale che non ci siamo fatti scoraggiare dal prezzo dell'obolo e ci siamo messi in marcia. 

    Corniglia, a mio parere è, delle cinque, la terra più bella, e più caratteristica, non solo perchè domina il monte ma perchè sembra la più vivibile tra tutte e non solo dal punto di vista turistico. 

    A benficio di chi non lo sapesse, tutte le cinque terre, tra loro, sono collegate da un sentiero. Purtroppo, lo smottamento di qualche hanno fa, ha costretto la chiusura di due tratte, quella da Rio Maggiore a Manarola, anche chiamato Via dell'Amore, e quello tra Manarola e Corniglia.

    Per chi invece non ama camminare e vuole comunque muoversi tra questi cinque paesi, lo può fare utilizzando il Treno delle ferrovie dello stato. Durante il giorno, i treni passano ogni 15/20 minuti e impiegano circa 4/5 minuti per percorrere una singola tratta. Nei giorni come ad esempio ferragosto però, l'affluenza di turisti era talmente alta che anche il servizio di trasporto in treno è risultato molto disagevole.

    Se ci fosse la possibilità di farlo, a mio parere è nella seconda metà di Settembre che andrebbero visitati questi posti, quando il caldo è meno opprimente, quando ci sono pochi turisti italiani e stranieri e quindi tutto, ma proprio tutto, risulta più vivibile e a portata di mano.

    Ma credo le parole non siano sufficienti a descrivere questi bellissimi posti, molto meglio vederli di persona o, se non è possibile, gustarsi la photogallery che segue.

    GalleriaFotografica 

    cinque-terre-2017132
    cinque-terre-2017133
    cinque-terre-2017136
    cinque-terre-2017137
    cinque-terre-2017138
    cinque-terre-2017141
    cinque-terre-2017150
    cinque-terre-2017152
    cinque-terre-2017153
    cinque-terre-2017154
    cinque-terre-2017156
    cinque-terre-2017158
    cinque-terre-2017163
    cinque-terre-2017164
    cinque-terre-2017167
    Vernazza, cinque terre
    cinque-terre-2017178
    cinque-terre-2017181
    cinque-terre-2017182
    cinque-terre-2017185
    cinque-terre-2017189
    cinque-terre-2017192
    cinque-terre-2017193
    cinque-terre-2017196
    cinque-terre-2017203
    cinque-terre-2017204
    cinque-terre-2017205
    cinque-terre-2017206
    cinque-terre-2017209
    cinque-terre-2017210
    cinque-terre-2017212
    cinque-terre-2017220
    cinque-terre-2017221
    cinque-terre-2017226
    cinque-terre-2017231
    cinque-terre-2017233
    cinque-terre-2017236
    cinque-terre-2017240
    cinque-terre-2017243
    cinque-terre-2017246
    cinque-terre-2017247
    cinque-terre-2017250
    cinque-terre-2017251
    cinque-terre-2017256
    cinque-terre-2017258
    cinque-terre-2017259
    cinque-terre-2017264
    cinque-terre-2017265
    cinque-terre-2017279
    cinque-terre-2017281
    cinque-terre-2017282
    cinque-terre-2017290
    cinque-terre-2017296
    cinque-terre-2017297
    cinque-terre-2017313
    cinque-terre-2017321
    cinque-terre-2017324
    cinque-terre-2017335
    cinque-terre-2017336
    cinque-terre-2017337
    cinque-terre-2017344
    cinque-terre-2017345
    cinque-terre-2017347
    cinque-terre-2017354
    Le navi militari nel porto di La Spezia
    cinque-terre-2017358
    cinque-terre-2017359
    cinque-terre-2017360
    cinque-terre-2017362
    cinque-terre-2017370
    cinque-terre-2017372
    Le cave di Marmo di Carrara
    cinque-terre-2017375
    cinque-terre-2017380
    cinque-terre-2017382
    Galleria nelle cave di Marmo a Carrara
    cinque-terre-2017402
    cinque-terre-2017404
    La stagionatura del Lardo a Colonnata
    cinque-terre-2017407
    cinque-terre-2017408
    cinque-terre-2017412
    cinque-terre-2017413
    cinque-terre-2017417
    cinque-terre-2017418
    cinque-terre-2017423
    cinque-terre-2017424
    cinque-terre-2017425
    cinque-terre-2017435
    cinque-terre-2017436
    cinque-terre-2017439
    cinque-terre-2017441
    cinque-terre-2017450
    cinque-terre-2017451
    cinque-terre-2017452
    cinque-terre-2017453
    cinque-terre-2017454
    cinque-terre-2017458
    cinque-terre-2017459
    cinque-terre-2017461
    cinque-terre-2017462
    cinque-terre-2017463
    cinque-terre-2017465
    cinque-terre-2017466
    cinque-terre-2017467
    cinque-terre-2017468
    cinque-terre-2017469
    cinque-terre-2017470
    cinque-terre-2017473
    cinque-terre-2017489
    cinque-terre-2017491
    cinque-terre-2017505
    cinque-terre-2017507
    cinque-terre-2017518
  • cinque-terre-2017132
  • cinque-terre-2017133
  • cinque-terre-2017136
  • cinque-terre-2017137
  • cinque-terre-2017138
  • cinque-terre-2017141
  • cinque-terre-2017150
  • cinque-terre-2017152
  • cinque-terre-2017153
  • cinque-terre-2017154
  • cinque-terre-2017156
  • cinque-terre-2017158
  • cinque-terre-2017163
  • cinque-terre-2017164
  • cinque-terre-2017167
  • Vernazza, cinque terre
  • cinque-terre-2017178
  • cinque-terre-2017181
  • cinque-terre-2017182
  • cinque-terre-2017185
  • cinque-terre-2017189
  • cinque-terre-2017192
  • cinque-terre-2017193
  • cinque-terre-2017196
  • cinque-terre-2017203
  • cinque-terre-2017204
  • cinque-terre-2017205
  • cinque-terre-2017206
  • cinque-terre-2017209
  • cinque-terre-2017210
  • cinque-terre-2017212
  • cinque-terre-2017220
  • cinque-terre-2017221
  • cinque-terre-2017226
  • cinque-terre-2017231
  • cinque-terre-2017233
  • cinque-terre-2017236
  • cinque-terre-2017240
  • cinque-terre-2017243
  • cinque-terre-2017246
  • cinque-terre-2017247
  • cinque-terre-2017250
  • cinque-terre-2017251
  • cinque-terre-2017256
  • cinque-terre-2017258
  • cinque-terre-2017259
  • cinque-terre-2017264
  • cinque-terre-2017265
  • cinque-terre-2017279
  • cinque-terre-2017281
  • cinque-terre-2017282
  • cinque-terre-2017290
  • cinque-terre-2017296
  • cinque-terre-2017297
  • cinque-terre-2017313
  • cinque-terre-2017321
  • cinque-terre-2017324
  • cinque-terre-2017335
  • cinque-terre-2017336
  • cinque-terre-2017337
  • cinque-terre-2017344
  • cinque-terre-2017345
  • cinque-terre-2017347
  • cinque-terre-2017354
  • Le navi militari nel porto di La Spezia
  • cinque-terre-2017358
  • cinque-terre-2017359
  • cinque-terre-2017360
  • cinque-terre-2017362
  • cinque-terre-2017370
  • cinque-terre-2017372
  • Le cave di Marmo di Carrara
  • cinque-terre-2017375
  • cinque-terre-2017380
  • cinque-terre-2017382
  • Galleria nelle cave di Marmo a Carrara
  • cinque-terre-2017402
  • cinque-terre-2017404
  • La stagionatura del Lardo a Colonnata
  • cinque-terre-2017407
  • cinque-terre-2017408
  • cinque-terre-2017412
  • cinque-terre-2017413
  • cinque-terre-2017417
  • cinque-terre-2017418
  • cinque-terre-2017423
  • cinque-terre-2017424
  • cinque-terre-2017425
  • cinque-terre-2017435
  • cinque-terre-2017436
  • cinque-terre-2017439
  • cinque-terre-2017441
  • cinque-terre-2017450
  • cinque-terre-2017451
  • cinque-terre-2017452
  • cinque-terre-2017453
  • cinque-terre-2017454
  • cinque-terre-2017458
  • cinque-terre-2017459
  • cinque-terre-2017461
  • cinque-terre-2017462
  • cinque-terre-2017463
  • cinque-terre-2017465
  • cinque-terre-2017466
  • cinque-terre-2017467
  • cinque-terre-2017468
  • cinque-terre-2017469
  • cinque-terre-2017470
  • cinque-terre-2017473
  • cinque-terre-2017489
  • cinque-terre-2017491
  • cinque-terre-2017505
  • cinque-terre-2017507
  • cinque-terre-2017518
  • Add a comment

    Link Sponsorizzati.