In memoria del Vajont

Il . Inserito in Fatti Quotidiani. Visite: 582

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Era il 2010 quando, a seguito di una vacanza sulle dolomiti con un amico, sono capitato, un po’ per caso, a Longarone, nella valle del Vajont.

Da quel momento, anzi, ancor prima di arrivare lì, di visitare quel luogo, di approfondire la storia, ho iniziato ad appassionarmi a quella immane tragedia, successa qualche anno prima della mia nascita e che conoscevo, sommariamente (mea culpa) solo per sentito dire.

Ho iniziato a studiare l’accaduto, ho cercato in rete tutto quello che trovavo, documenti, ritagli di giornale, testimonianze filmate e, anche se è una tragedia di più di mezzo secolo fa e non si trova granché, non mi sono dato per vinto e ho continuato a cercare, a studiare, ad appassionarmi.

Ci sono tanti documenti filmati in rete ma, tra questi, ne spicca uno in particolare che mi ha colpito tantissimo. È lo spettacolo di Marco Paolini, svoltosi ai piedi della Diga del Vajont, il 9 Ottobre del 1997, 34 anni dopo la tragedia nella quale, ricordo, morirono più di duemila persone.

Marco Paolini non lo conoscevo molto, confesso l’ignoranza era un attore di cui avevo sentito solo il nome ma non avevo mai seguito un suo spettacolo prima di quel momento ma quel video in particolare, quello spettacolo, mi è rimasto indelebilmente dentro!

La bravura narrativa di questo attore drammaturgo, che riesce a portarti dentro la tragedia come se la stessi vivendo in prima persona, rende le due ore e passa del filmato un’apnea emotiva incredibile.

Ho cercato l’intero spettacolo ma in rete non c’era, ho così deciso di acquistare il DVD e l’ho guardato, riguardato e riguardato ancora per quanto è emozionante.

Inutile dire che lo spezzone che racconta l’accaduto, alle 22.39 di quel 9 ottobre del 1963, lascia un segno indelebile nella mente e nel cuore di chi lo vede, lo ascolta, di chi, come me, quella tragedia la conosceva solo per sentito dire.

In omaggio a Marco Paolini e alle vittime di quella tragedia, rimetto questo spezzone a beneficio di chi ancora non lo conoscesse e, a seguire, anche il video girato col mio drone un paio d’anni fa dove è visibile in modo agghiacciante, l’entità della frana del Toc che dà l’idea dell’inferno che ci fu quella notte di 55 anni fa.

Se volete acquistare il DVD come ho fatto io, ad un prezzo davvero irrisorio, cliccate qui.

Buona visione

 

 

 

Tags: diga del vajont longarone erto SADE Casso paolini spettacolo teatrale piave marco paolini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna