No al "carnismo"! E' una scelta di vita

Il . Inserito in Fatti Quotidiani. Visite: 530

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Era l'ormai lontano 2007 quando, dopo la scomparsa di mia madre dovuta ad un tumore, iniziai a studiare e ad informarmi su come l'alimentazione sia strettamente correlata alla quasi totalità delle malattie mortali, degenerative, invalidanti, alle cardiopatie più diffuse ma anche quelle meno "pericolose" come per esempio le allergie. 

Quello che ho scoperto in questi 10 anni di continua informazione è strabiliante perchè mi ha consentito di fare gradualmente una scelta di vita che, di fatto, me l'ha cambiata in meglio, dal punto di vista della salute.

Si, una scelta di vita, è giusto definirla così perchè quando decidi di cambiare il tuo modo di alimentarti alla faccia di tutto quello che ti circonda e che va sempre di più nella direzione opposta, cambi davvero modo di vivere.

Ci sarebbe un libro da scrivere per raccontare questi dieci anni di continuo apprendimento e non è detto che un giorno lo possa anche fare, ma mi limito a "raccontare" il principio fondamentale su cui si basa la mia scelta perchè questo è, in parte, l'intento di questo post: La proteina di origine animale è tossica per il nostro organismo. 

Poche parole per una notizia bomba, me ne rendo conto e anche io, come credo voi, quando ho pensato a quali e quanti cibi contengono le proteina animale mi son detto:" Ecco, non posso mangiare più niente!!!" scoprendo poi che, in realtà, non è affatto così. 

Non sto ad elencare la miriade di cibi "alternativi" a quelli di origine animale perchè non è l'intento di questo post, quello che invece vorrei che passasse come significato è il fatto di come veniamo costantemente e psicologicamente manipolati da quello che chiamo "Sistema",  che ci induce a vivere la nostra vita come vogliono loro facendoci credere che lo stiamo facendo per il nostro volere. 

Durante il mio pellegrinare sulla rete per documentarmi, mi sono imbattuto in questo filmato che racconta esattamente quello che, col senno di poi, penso adesso della materia "Alimentazione".

Il filmato contiene anche immagine molto cruente ma forse sono necessarie affinchè il concetto arrivi dove deve arrivare, nella coscienza comune per far si che una persona si fermi un attimo e si metta a riflettere su certe scelte, cercando di capire se realmente sono scelte condivise da se stesso o sono indotte dal sistema, come credo la maggior parte. 

Se siete arrivati fino qui probabilmente avete la giusta dose di sensibilità e siete tra quelle persone non soperficiali che vogliono un punto di vista diverso su cui riflettere e sono certo che questo filmato arriverà dove deve arrivare.

Il filmato dura una ventina di minuti scarsi ma vi consiglio di guardarlo attentamente fino alla fine. E' in inglese ma ben sottotitolato.

Per me, quello che racconta il film non è una novità ma solo una riconferma di ciò che già sapevo! Ciò nonostante, mi ha fatto comunque riflettere e sensibilizzare ancora di più sul diritto che si è preso l'uomo di uccidere altri esseri vienti.

La balla della sopravvivenza ormai non sta più in piedi quindi è un diritto fine a se stesso, senza motivazione.

La mia scelta ancora non è stata completata del tutto ma mi ritengo a buon punto e questo filmato mi da un ulteriore aiuto verso il traguardo al quale vorrei arrivare.

Non serve un genio per comprendere quanto sia evidente come la società, la cultura, il business delle multinazionali della carne remino giornalmente in senso opposto a questa scelta appoggiati in toto dai media e dai governi per meri motivi di guadagno...  ma personalmente credo, voglio e pretendo da me stesso di essere abbastanza intelligente e superiore a questo bombardamento mediatico, a questo lavaggio del cervello,  a questo condizionamento perenne che ci vuole come persone "carnivore", per guardare oltre, come ho fatto dieci anni fa quando un tumore ha portato via mia madre.

La mia scelta, suffragata dagli studi di tutti questi anni, ha convinto me stesso che rinunciare alla proteina animale, oltre a rispettare altre vite umane, migliora davvero la vita in termini di salute, e questo, prima ancora di rappresentare un fatto etico e morale, è un motivo assolutamente personale!

 

Ho provato a condividere la mia scelta, la mia esperienza, i miei risultati  con altre persone, anche molto vicine a me, con scarsi risultati o addirittura nulli e così mi sono arreso e mi sono detto che chi è causa del suo mal piangerà se stesso, del resto non serve un genio per vedere quanto, la maggior parte delle persone, non solo in ambito alimentare, preferisce mettere la testa sotto la sabbia, far finta di niente e tirare avanti come se tutto andasse bene.

Ci tengo però a sottolineare che questo post rappresenta la mia personale esperienza in materia nonchè la testimonianza reale di quello che mi è successo in dieci anni di studi e di applicazioni sull'argomento alimentazione; non ho la pretesa di insegnare niente a nessuno ma solo di porre una riflessione nella coscienza delle persone, poi quello che sarà....sarà!

Il libero arbitrio, per fortuna, non ce lo hanno ancora levato (anche se ci stanno provando (Vaccini!)) 

Autore
Davide Galloni
Author: Davide GalloniEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
"La vita è l'insegnante più severa, prima ti fa l'esame e poi ti spiega la lezione"

Tags: alimentazione sana carnismo proteina animale vegetariano vegano the china study professor berrino alimentazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna