Sciroppo di Glucosio-Fruttosio, perché evitarlo

Il . Inserito in Food. Visite: 938

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sciroppo di Glucosio-Fruttosio, perchè evitarlo?

Credo sia stata la scomparsa di mia madre a farmi scattare quella molla interiore che mi ha spinto ad approfondire sensibilmente l’argomento alimentazione e salute. Ho letto libri, visto e consultato centinaia di documenti e testimonianza della “scienza alternativa” che io chiamo così perchè quella comune è “corrotta” dai soliti meri interessi economici.

In uno dei prossimi post racconterò quello che ho scoperto in tutti questi anni, qualcosa che mi ha sconcertato e amareggiato davvero tanto.

Qualcosa di positivo però quest’esperienza me l’ha lasciata. Una delle abitudini che ho imparato da questo percorso di scoperta, infatti, è quella di leggere attentamente gli ingredienti di un alimento, prima di acquistarlo. Pensandoci bene, dovrebbe essere un’azione che ognuno dovrebbe fare trattandosi della propria salute e, invece, in pratica lo fanno davvero in pochi.

Si scoprono davvero cose incredibili come ad esempio la presenza in quasi tuttli gli alimenti, dello sciroppo di glucosio e fruttosio. Dal nome verrebbe quasi da pensare che è qualcosa di salutare, la parola fruttosio, infatti, richiama alla mente lo zucchero della frutta, quello che dolcifica senza “fare del male”, purtroppo però non è così e andiamo a vedere perchè:

Lo sciroppo di glucosio-fruttosio,  tecnicamente conosciuto con l’acronimo HFCS (High Fructose Corn Syrup) è un prodotto derivato dal mais, in particolare dall’amido di mais. Utilizzando dei composti chimici o enzimi, a partire dalla lunga catena di molecole di glucosio che formano l’amido, si arriva ad una soluzione, lo sciroppo appunto, che contiene oltre al glucosio percentuali variabili di fruttosio (45-55%).

Ma allora fa bene? No, almeno per cinque buoni motivi:

  • 1. Nel saccarosio un legame chimico unisce il glucosio e il fruttosio. Quando si mangia, gli enzimi dello stomaco e dell’intestino rompono questo legame chimico. Nell’HFCS nessun legame chimico lega il glucosio al fruttosio: gli zuccheri sono già “slegati”, quindi entrano molto velocemente in circolo. Il fruttosio della frutta, al contrario, è “intrappolato” nelle fibre ed è quindi assorbito dall’intestino molto lentamente.
  • 2. Una parte del fruttosio negli sciroppi HCFS non potendo essere tutto velocemente assorbito rimane nell’intestino dove fermentando può causare coliche. La maggior parte arriva invece al fegato dove è trasformato in grassi e stimola (con ritardo) la secrezione di insulina: questo processo a lungo andare oltre a causare problemi a livello epatico, porta all’insulino-resistenza, primo passo verso il diabete di tipo II.
  • 3. Diversi studi hanno evidenziato che il consumo di bevande contenenti HFCS può contribuire all’obesità infantile. Inoltre questo sciroppo sembra sia una delle cause primarie dell’epidemia di diabete di tipo II che sta colpendo i paesi occidentali.
  • 4. L’assunzione di fruttosio, a differenza del glucosio non è controllata dagli ormoni, quindi non solo non stimola la secrezione di insulina, ma anche di altri ormoni che regolano l’appetito: in pratica non arriva mai, o con molto ritardo, il senso di sazietà. Perciò noi mangiamo, mangiamo e mangiamo senza sentirci mai sazi, ma contemporaneamente ingrassiamo e non poco perché le calorie sono le stesso dello zucchero.
  • 5. Le industrie alimentari usano questo dolcificante perché costa molto meno del comune zucchero, saccarosio, rende i prodotti più soffici e fa sì che si conservino più a lungo. Quindi, in pratica comprando gli alimenti che lo contengono, oltre a far guadagnare uno sproposito a chi già guadagna molto sulla nostra salute, sosteniamo un’agricoltura di sfruttamento, inquinante e eticamente sbagliata. E intanto ci ammaliamo. (Fonte: La Fucina)

A breve farò un elenco il più possibile completo, degli alimenti che lo contengono, a titolo di esempio ve ne cito qualcuno che sicuramente conoscete:

Quasi tutte le merendine della Kinder o quelle del Mulino Biano.

Praticamente tutti gli yogurt della Muller.

I biscotti secchi Oro Saiwa, la maggior parte dei prodotti della Galbusera, tutti i prodotti dolci della ditta “Dolciando” che, oltra allo sciroppo di Glucosio e Fruttosio, hanno come ingrediente fisso l’olio di palma, e tanti altri ancora.

Se vi volete bene, iniziate a leggere le etichette degli ingredienti e, oltre allo sciroppo di glucosio e fruttosio, evitate anche l’olio di palma, un’altra cosa assolutamente da evitare.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Link Sponsorizzati.