L’ospedale fantasma di Garbagnate Milanese

Questa è la storia di un ospedale, fiore all’occhiello dell’hinterland milanese fin dai primi anni del 1900 e oggi degradato a rudere abbandonato.

Con i suoi 24 mila metri quadrati è una delle opere abbandonate più grandi d’Italia. Il progetto del sanatorio di Garbagnate nasce nel Comune di Milano nei primi anni del 1900 quando si rese necessario un polo per i malati di tubercolosi. La malattia infatti costituiva una minaccia costante tanto nelle città, quanto nelle campagne. I dati dei decessi provocati dalle tbc erano emblematici e allarmanti: a Milano in cinquant’anni, tra il 1850 e il 1900 si registrarono 46.000 vittime.

Il moderno sanatorio venne quindi costruito su progetto dell’architetto comunale Giannino Ferrini, entrando in funzione dal 1923. La gestione dell’istituto, intitolato a “Vittorio Emanuele III”, venne affidata all’Ospedale Maggiore di Milano, e la direzione medica fu delegata al Sovrintendente medico prof. Enrico Ronzani. Già nel 1931 i servizi economali vennero resi autonomi, mentre la gestione di quelli sanitari rimase compito dell’Ospedale Maggiore fino al 1942.

Da quella data subentrò il Pio Istituto di Santa Corona, che nel 1949 assunse anche la gestione diretta del sanatorio. Il 10 novembre 1955 la denominazione di “Sanatorio Città di Milano” venne cambiata in “Sanatorio Guido Salvini della Città di Milano”.  Fino agli anni ’70 del Novecento il “Salvini” funzionò sia come sanatorio che come ospedale. Nel 1998 venne istituita l’Azienda Ospedaliera, accorpando sotto un’unica amministrazione i presidi di Bollate, Garbagnate, Passirana e Rho. Attualmente Garbagnate dipende dalla Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Rhodense, costituita il 10 dicembre 2015 (fonte web)

DavideGalloni.com

#Social Tags:

Le immagini storiche sono prese da un documento di proprietà della Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Rhodense

Davide Galloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La Certosa di Pavia ripresa dal Drone

Dom Mar 8 , 2020
L’immenso complesso della Certosa di Pavia fu edificato alla fine del XIV secolo per volere di Gian Galeazzo Visconti, signore di Milano, in adempimento al voto della consorte Caterina dell’8 gennaio 1390, e come mausoleo sepolcrale della dinastia milanese. Fu completato entro la fine del 1400 in circa 50 anni, […]
Certosa di Pavia
Marzo: 2020
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: